Ricerca:

 
 
 
   

 

 

 







 

 

Zanichelli editore su GeoExpo Zanichelli su GeoExpo

Geografia e Scienze della Terra

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11

 
07525
   
       SCIENZA DELL'INFORMAZIONE GEOGRAFICA
Introduzione ai GIS

BOFFI Mario
 
 
2004, p.192
ISBN 978-8808-07525-3
 
Euro 30,80
 
- 10%
Euro 27,72
 
 
 
Disponibilità: ampia
 

La scienza dell'informazione geografica ha come scopo quello di fornire metodi e strumenti per trasformare le informazioni spaziali in mappe che descrivano e analizzino i problemi che vogliamo studiare. GIS è un termine nato circa 30 anni fa come acronimo di Geographic Information System (sistema informativo geografico), per designare un insieme di strumenti informatici, hardware e software, per la gestione e l'analisi dei dati geografici e, nello stesso tempo, per indicare un particolare tipo di sistema informativo capace di gestire informazioni relative allo spazio, sistema che oggi sta cambiando il modo di analizzare il territorio, di fare pianificazione territoriale e marketing, e che ha generato un imponente mercato economico e nuove professionalità.
I primi tre capitoli si occupano della costruzione del "modello dei dati", per sottolineare l'impostazione concettuale che sta alla base dell'uso dell'informazione geografica: i dati sono gli elementi costitutivi di modelli spaziali della realtà, rappresentabili sotto forma di mappe. Il quarto capitolo è dedicato all'analisi spaziale, cioè a quegli strumenti che consentono di interpretare da vari punti di vista la distribuzione nello spazio dei fenomeni. Il quinto capitolo passa in rassegna le fonti e le tecnologie di rilevazione dei dati spaziali. Infine, il sesto capitolo è dedicato agli aspetti informatici, con particolare attenzione a una cultura critica del software applicativo, alla capacità di comunicare con i software attraverso le interfacce e di comprendere la terminologia dei GIS, spesso improntata a un lessico tecnico. Alla fine di ogni capitolo sono presentati richiami a materiali utili per approfondimenti e proposte di esercizi o di casi di studio, reperibili in gran parte in Internet. In appendice sono stati aggiunti un glossario dei termini e dei concetti presentati nel testo, e delle mappe, in gran parte originali, pensate come mini-casi di studio applicativi.


Indice generale
 
Prefazione
di Guido Martinotti

Introduzione

Capitolo 1
I dati come modello

1.1 Il database relazionale
1.2 Le tabelle
1.3 Le unità di osservazione
1.4 Gli attributi
1.5 Le relazioni
1.6 Integrità logica e forme normali
1.7 Le operazioni sui dati: SQL
1.8 La struttura delle query
1.9 Le espressioni
1.10 Le operazioni sulle righe
1.11 Le operazioni fra tabelle
• Attività di approfondimento

Capitolo 2
Il modello spaziale del mondo reale

2.1 Le unità di osservazione spaziali
2.1.1 Punti
2.1.2 Linee
2.1.3 Poligoni
2.1.4 Griglie o raster
2.2 Oggetti e attributi
2.3 La localizzazione dei dati spaziali
2.4 La georeferenziazione
2.5 I modelli della Terra
2.6 I sistemi di coordinate
2.7 Latitudine e longitudine
2.8 Le proiezioni
• Attività di approfondimento

Capitolo 3
I modelli cartografici

3.1 Mappe vettoriali o a oggetti
3.2 Mappe raster o a superfici continue
3.3 Mappe tridimensionali
3.4 Cronomappe e rappresentazioni multimediali
3.5 La visualizzazione in mappa
3.6 Visualizzazione e tipo di dati
3.7 Le mappe tematiche
3.7.1 Coroplete
3.7.2 Densità di punti
3.7.3 Simboli scalari
3.7.4 Categoriali
3.7.5 Isolinee
• Attività di approfondimento

Capitolo 4
L’analisi spaziale

4.1 L’esplorazione dello spazio
4.1.1 Gli attributi spaziali
4.1.2 L’analisi multistrato
4.2 I modelli di ripartizione territoriale
4.2.1 La riclassificazione
4.2.2 I buffer
4.2.3 Il modello di vicinato di Voronoi
4.2.4 Isolinee e isoaree
4.2.5 I modelli di gravitazione
4.2.6 I modelli di contenimento
4.2.7 I metodi di clustering
4.3 Gli indici statistici geospaziali
4.3.1 Le statistiche centrografiche
4.3.2 Gli indici di autocorrelazione spaziale
4.3.3 Misure di segregazione spaziale
4.3.4 L’analisi dei quadrati
4.3.5 L’analisi di vicinato
4.4 La modellazione delle superfici
4.5 I metodi di stima locale
4.5.1 Interpolazione da isolinee
4.5.2 Metodi di ricerca locale
4.5.3 Metodo del vicinato naturale
4.5.4 Metodo dell’inverso della distanza
4.5.5 Metodo della triangolazione
4.6 I metodi di stima globale
4.6.1 Polinomiale spline
4.6.2 Il metodo kriging
4.6.3 I criteri per la scelta del metodo di interpolazione
4.7 Le superfici di densità
• Attività di approfondimento

Capitolo 5
I dati

5.1 L’Infrastruttura dei dati spaziali
5.2 Fonti e basi di dati geostatistiche in Italia
5.3 Gli archivi di dati spaziali
5.4 I metadati
5.5 La qualità dei dati
5.5.1 Accuratezza e precisione nei dati spaziali
5.5.2 Fonti di errore nei dati spaziali
5.6 Le nuove tecnologie per la rilevazione dei dati spaziali
5.6.1 Il telerilevamento
5.6.2 Il posizionamento globale
• Attività di approfondimento

Capitolo 6
I programmi GIS

6.1 Note sullo sviluppo storico
6.2 I programmi commerciali
6.3 Interfacce e modelli mentali
6.4 L’architettura di un programma GIS
6.4.1 Il database
6.4.2 I formati di archiviazione
6.4.3 Creazione e modifica degli oggetti
6.4.4 Script ed estensioni
6.5 La visualizzazione e la diffusione delle mappe
• Attività di approfondimento

Bibliografia
Glossario
Indice delle figure
Indice delle tabelle

Atlante


 
 
 
 
 
 

 
Quantità

  Metti nel carrello
  esamina il carrello

  

  

07233
   
       IL PAESAGGIO DEGLI UOMINI
la natura, la cultura, la storia

TURRI Eugenio
 
 
2003, p.320
ISBN 978-8808-07233-7
 
Euro 32,40
 
- 10%
Euro 29,16
 
 
 
Disponibilità: ampia
 

Nel dibattito culturale degli ultimi anni il paesaggio è entrato di prepotenza come uno dei temi più vivi e sentiti. Su di esso hanno riflettuto geografi, storici, urbanisti, ecologi, agronomi, psicologi e filosofi, secondo un ventaglio di posizioni spesso lontane tra loro e da quelle dei politici che hanno proposto opportune leggi di tutela. Ma i nostri paesaggi oggi, spesso offesi, non sono che la manifestazione della nostra società, della nostra cultura, risultato di un senso malinteso della modernità, i cui effetti sono davanti a noi, specie in Italia, con tutta evidenza. Dunque non è tanto il paesaggio che va tutelato, ma sono le società che devono trovare in se stesse dei modi diversi di operare: ciò che è possibile con una maggior carica di autoriflessività e di autocomprensione, nel quadro di un rapporto con la natura diverso da quello a cui ha portato lo sviluppo più recente, selvaggio e irrispettoso delle migliori eredità lasciateci dal passato.
Questo libro cerca di raccontare e spiegare come le società umane si confrontano con la natura, come costruiscono i loro territori, offrendoci allo sguardo i paesaggi che di tali territori sono la proiezione sensibile.
Ampio spazio è dato ai modi in cui, sin dalle origini, il territorio è stato costruito, facendo ricorso agli esempi che ci vengono offerti dalle sopravvissute società premoderne, per le quali ogni agire era venato dal senso della misura delle possibilità umane rispetto alla natura e ai suoi misteri. Esempi di un rapporto storicizzato, che era anche etico ed estetico, oggi perduto e con poca speranza di essere recuperato usando il solo metro della tecnica e dell'economia.
In altri capitoli si esaminano situazioni territoriali esemplari di tutto il mondo, conservando come elemento mediatore del rapporto tra uomo e natura il paesaggio che, in quanto rappresentazione per larga parte soggettiva, riassume in sé, oltre che le ragioni economiche, produttive, dell'agire, anche passioni, sentimenti, afflizioni, psicologismi di origine diversa, cioè istanze studiate dalle discipline umanistiche e antropologiche, considerate come fattori importanti del rapporto ecologico.
Le problematiche sono trattate con linguaggio semplice e si è cercato di andare in soccorso della sprovvedutezza che spesso le nuove generazioni dimostrano nei confronti degli scenari del loro vivere, anche locale. Così, facendo ricorso a numerosi riferimenti iconografici, si è voluto soprattutto offrire gli strumenti per un'educazione allo sguardo e, di riflesso, per un'educazione al paesaggio, primo fattore di ogni sana ecologia.


Indice
 
CAPITOLO 1
L’uomo e il paesaggio

1.1 Alla ricerca di un significato
1.2 Il paesaggio e il sentimento del mondo
1.3 La bellezza della natura
1.4 Il paesaggio tra natura e cultura
1.5 Il paesaggio come sintesi interdisciplinare
1.6 Conoscere per agire, agire per conoscere
1.7 Geografie locali
1.8 La geografia narrata e la geografia scritta
1.9 La prima geografia
1.10 La conoscenza geografica al servizio delle civiltà
1.11 Gli sviluppi della cartografia e la pittura di paesaggio
1.12 L’esplorazione del mondo e i fondamenti delle scienze ambientali
1.13 I paesaggi di Humboldt
1.14 Il paesaggio tra storia e determinismo fisico
1.15 I paesaggi antropizzati e la storia
1.16 La regione: lo spazio organizzato
1.17 Le ragioni della varietà del mondo
1.18 Relazioni tra paesaggio e territorio
1.19 Il paesaggio da fuori e dall’alto
1.20 Il viaggio e il paesaggio
1.21 Lo sguardo da vicino e da lontano
1.22 Paesaggi e iconemi
1.23 La lettura del paesaggio come atto mediatore tra cultura e natura
1.24 La Terra dallo spazio: paesaggi e globalità
• Bibliografia

CAPITOLO 2
I paesaggi della natura

A La geosfera e le sue forme
2.1 Lo sguardo al mondo della natura
2.2 I diversi ritmi temporali dei fenomeni fisici e antropici
2.3 Le superfici continentali
2.4 Il mare e le acque
2.5 Le grandi forme della superficie terrestre
2.6 Le forze endogene: vulcanesimo e instabilità crustale
2.7 Orogenesi e deformazioni tettoniche
2.8 Le montagne, le rocce e la linea dell’orizzonte
2.9 Le rocce nel paesaggio
2.10 La struttura del rilievo e l’aggressione esogena
2.11 Le azioni erosive
2.12 L’azione di trasporto delle acque
2.13 I sistemi idrografici: i grandi fiumi
2.14 Le pianure fluviali dove pulsa la vita antropica
2.15 Il paesaggio segnato dalle morfologie glaciali
2.16 Le eredità particolari del glacialismo
2.17 Il paesaggio carsico
2.18 Le forme costiere
2.19 I paesaggi oceanici: gli atolli
• Bibliografia

B Dalla geosfera alla biosfera
2.20 Il cielo: l’altra metà del paesaggio
2.21 L’atmosfera e le superfici marine: un paesaggio vuoto?
2.22 Il clima, fattore primario della diversità dei paesaggi
2.23 Le masse d’aria e i meccanismi atmosferici
2.24 Cicloni e monsoni
2.25 Le temperature e le precipitazioni
2.26 La distribuzione delle precipitazioni
2.27 Le nuvole: paesaggi piovosi e paesaggi solari
2.28 Tipi di clima e di ambiente naturale
2.29 Le superfici marine
2.30 Acqua per dissetarsi, acqua per irrigare
2.31 Lo strato vegetale
2.32 Formazioni vegetali e specializzazioni ambientali
2.33 Vegetazione, zonazioni latitudinali e altitudinali
2.34 Il suolo tra geosfera e biosfera
2.35 Gli alberi e l’uomo
2.36 Il profumo dei fiori
2.37 I colori del paesaggio
2.38 Gli animali e il canto degli uccelli nel paesaggio
2.39 La percezione auditiva
2.40 L’ecosistema e le sue interne relazioni
• Bibliografia

CAPITOLO 3
L’uomo attore nella natura

3.1 La costruzione del territorio
3.2 Dal territorio al paesaggio, dal paesaggio al territorio
3.3 Il paesaggio come espressione della cultura
3.4 La distribuzione ineguale dell’uomo sulla Terra
3.5 Il locale e il globale
3.6 Conservazione e diversità culturali
3.7 La toponomastica come primo atto di acculturazione territoriale
3.8 L’imprinting territoriale e il Genius Loci
3.9 Le istanze naturali e culturali dell’uomo
3.10 Gli agenti antropici nel territorio
3.11 L’insediamento e l’organizzazione territoriale in funzione del produrre
3.12 La gerarchizzazione dei centri
3.13 Le culture residuali che non trasformano l’ambiente
3.14 L’hortus conclusus: il giardino e l’oasi
3.15 I paesaggi agrari, le tecniche e il lavoro dei coltivatori
3.16 Le sistemazioni agrarie
3.17 Paesaggio agrario e organizzazione sociale
3.18 La casa contadina: il riflesso dell’abitare
3.19 Potere politico e ordine nelle campagne
3.20 L’uomo artifex
3.21 Manufatti industriali nel paesaggio
3.22 L’industria nel territorio
3.23 La città e l’urbanizzazione
3.24 Alle origini del paesaggio urbano
3.25 L’urbanizzazione progressiva: verso la città unica
3.26 La città come organismo storico
3.27 Il nuovo urbanesimo e la dilatazione del paesaggio urbano
3.28 Il pieno e il vuoto
3.29 L’organizzazione regionale dello spazio e le reti di città
3.30 Dalla città centripeta alle città reticolari e alle megalopoli
• Bibliografia

CAPITOLO 4
I paesaggi nella geografia e nella storia

A La varietà dei paesaggi nello spazio
4.1 I fattori naturali della diversità
4.2 I conflitti tra culture e i processi di omologazione
4.3 Dai paesaggi delle società pre-moderne ai paesaggi della globalizzazione
4.4 I diversi livelli del rapporto tra cultura e natura
4.5 I paesaggi residuali delle foreste equatoriali
4.6 Negli ambienti tropicali a due stagioni
4.7 I paesaggi monsonici dei risicoltori
4.8 I deserti tropicali e i paesaggi delle oasi
4.9 Il paesaggio mediterraneo: subtropicalità e attrazione antropica
4.10 Le distese steppiche dei cavalieri nomadi e della frumenticoltura
4.11 La fascia temperata: nel cuore del dominio antropico del mondo
4.12 I paesaggi della nordicità: gli spazi della grande continentalità
4.13 I paesaggi delle montagne: dalle Alpi alle Ande, dall’Himalaya al Kunlun
• Bibliografia

B I paesaggi nella storia
4.14 Il paesaggio racconta
4.15 Il paesaggio intessuto su un filo continuo
4.16 Per un’archeologia territoriale
4.17 Ritmi temporali e stratificazioni storico-culturali
4.18 Alla ricerca dell’imprinting territoriale
• Bibliografia

C La lettura storico-geografica del paesaggio
4.19 Un esempio e una metodologia
4.20 Un’analisi territoriale attraverso le successive stratificazioni storiche
4.21 Lo scenario naturale
4.22 Il primo imprinting territoriale
4.23 All’origine dell’organizzazione territoriale d’oggi
4.24 La formazione dei centri comunali
4.25 Le attivazioni industriali tra Ottocento e Novecento
4.26 Gli effetti locali dell’unità nazionale
4.27 La Grande Trasformazione
4.28 Dentro la maglia megalopolitana
• Bibliografia

CAPITOLO 5
Paesaggi visitati

A Il paesaggio nell’occhio indagatore
5.1 I contenuti enciclopedici del paesaggio
5.2 Per una storia del guardare
5.3 Paesaggio e identità
5.4 Lo sguardo dell’arte e delle scienze naturali e umanistiche
5.5 Lo sguardo semiotico
5.6 I legami storici tra sguardi diversi
5.7 Sguardi individuali e sguardi collettivi
5.8 I paesaggi del futuro
• Bibliografia

B I paesaggi italiani: il senso della varietà
5.9 Le rispondenze tra paesaggio fisico e paesaggio storico-culturale
5.10 I caratteri regionali della varietà
• Bibliografia

C La megalopoli padana: il paesaggio della complessità
5.11 Sguardi al triangolo compreso tra Alpi e Appennino
5.12 La città che invade la campagna
5.13 Le direttrici di urbanizzazione
5.14 Le appendici montane e marittime
5.15 Dentro il corpo megalopolitano
5.16 Lungo le arterie vitali della megalopoli
5.17 Paesaggi della vitalità o paesaggio del caos urbano?
5.18 I problemi della post-modernità
5.19 Legami funzionali della reticolarità
• Bibliografia

D I paesaggi del Xinjang
5.20 Tra senso locale e senso globale
5.21 Paesaggi dell’esotismo
5.22 I fiumi come assi organizzatori del territorio
5.23 Stravolgimenti territoriali e soggezione politica ed economica
• Bibliografia

E Un’area povera e marginale: il Sahel
5.24 La povertà delle precipitazioni
5.25 Il radicamento nei mondi culturali più arcaici
5.26 Il sopravvento delle economie araba ed europea
5.27 L’indipendenza e i nuovi rapporti territoriali
• Bibliografia

Indice analitico

Atlante fotografico


 
 
 
 
 
 

 
Quantità

  Metti nel carrello
  esamina il carrello

  

  

 

Geografia e Scienze della Terra

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11

Zanichelli su GeoExpo

Zanichelli editore su GeoExpo

 

GEOLOGIA AMBIENTALE

 

LA FORMA DELLE COSTE

 

ESPLORAZIONE DEL SOTTOSUOLO

 

MINERALOGIA

 

GEOCARTOGRAFIA

 

CAPIRE LA TERRA

 

LA TERRA

 

STORIA GEOLOGICA D'ITALIA

 

SCIENZA DELL'INFORMAZIONE GEOGRAFICA

 

IL PAESAGGIO DEGLI UOMINI

 

CHIMICA AMBIENTALE

 

PEDOLOGIA PRATICA

 

I FOSSILI E LA STORIA DELLA VITA

 

ATLANTE DELLE ROCCE MAGMATICHE E DELLE LORO TESSITURE

 

ATLANTE DELLE ROCCE METAMORFICHE E DELLE LORO MICROSTRUTTURE

 

LA TETTONICA DELLE PLACCHE

 

INTRODUZIONE ALLA CRISTALLOGRAFIA

 

FONDAMENTI DI MINERALOGIA GEOLOGICA

 

PRINCIPI DI GEOCHIMICA

 

LA SCIENZA DI GAIA

 

SEDIMENTOGRAFIA

 
 
Informazioni commerciali:
Zanichelli Editore S.p.A. -
Tel. 051- 293.264; 051- 293.335 - Fax. 051- 243.437  - email 

Informazioni sito web:
GeoExpo by GEO group s.r.l. - tel. 0825 824256 - fax 0825 825363 - email 

   
Home Page geologi.it bar-2
bar-3